Perchè i Girasoli di Van Gogh sono così famosi?

I girasoli di Vincent Van Gogh sono diventati un’icona dell’arte e al giorno d’oggi sono riconosciti da tutti come l’emblema distintivo di uno degli artisti più famosi di tutti i tempi.

Vincent Van Gogh

I Girasoli di Vincent Van Gogh

La grande popolarità dei girasoli è il risultato di una combinazione di diversi elementi: la bellezza della serie dei quadri, il grande l’impatto emotivo che riescono a esercitare su chi li guarda, e il ricordo del periodo di serenità che questi fiori riuscirono a conferire al tormentato Van Gogh.

Il pittore riconobbe da subito di aver creato qualcosa di importante e si accorse che i suoi girasoli erano tanto riconoscibili e unici da funzionare come una firma personale. Come disse al fratello Theo, nel gennaio 1889: “il girasole è mio”. Mentre altri artisti si distinsero nella rappresentazione di fiori particolari, solo il girasole e la sua semplicità rimangono strettamente associate all’arte delle pittore olandese.

Ovviamente, questa spiega solo in parte la popolarità di questa serie di dipinti  di Van Gogh: ancora oggi, la vita difficile e drammatica dell’artista inspirano e affascinano il grande pubblico. La storia personale fatta di miseria e mancati riconoscimenti, e il successo indiscusso ottenuto dopo la scomparsa, sono temi in grado di muovere le passioni e i sentimenti più profondi.

Una foto pubblicata da Matì e Dadà (@matiedada) in data:

L’uso arbitrario del colore usato per esprimere la propria dimensione personale, l’immediatezza del soggetto, la forza delle pennellate tipiche di Van Gogh, influenzarono enormemente tutta l’arte moderna e fecero dei girasoli delle icone da riprodurre su ogni supporto.

Magneti, magliette, tovaglie, tazze non hanno offuscato la bellezza delle opere di Van Gogh: si  stima che circa 5 milioni di persone vedano i girasoli ogni anno. In questo caso non si tratta di riproduzioni o souvenir appesi al frigorifero, ma delle tele conservate in alcuni dei più prestigiosi musei internazionali tra cui il Museo Van Gogh e la National Gallery.

La miscela dirompente fatta da una storia travagliata, un stile inconfondibile e un soggetto tanto semplice da diventare simbolo di un’artista e del suo tormento interiore, hanno contribuito a far crescere un mito inossidabile.

Continua a seguire Matì e Dadà su Facebook e Instagram oppure iscriviti alla nostra newsletter per non perderti tutta l’arte a misura di bambino che c’è!