L’arte di Georges Seurat

L'arte con Matì e dadà - George Seurat

Matì e Dadà si sono intrufolati ne La grand Jatte di  Georges Seurat

Sapreste spiegare ai più piccoli le teorie sulla percezione cromatica? Come si formano il giallo, il rosso o il viola?  Perché il giallo accostato al blu diventa verde? 

Se a queste domande rispondete tentennando allora non vi resta che lasciarvi guidare da Matì e Dadà alla scoperta dell’arte di Georges Seurat: i colori non avranno più segreti, né per voi né per i vostri bambini.

Georges Seurat realizzò La Grande Jatte in due anni, recandosi quotidianamente all’isola della Grande Jatte sul corso della Senna. La grande tela di due metri per tre è considerata un grande affresco sugli usi della società borghese parigina di fine Ottocento  che, come voleva la moda, la domenica pomeriggio si recava a passeggio presso la piccola isola sulla Senna.

Quando fu esposta alla settima mostra degli Impressionisti del 1886, La Grande Jatte suscitò reazioni perplesse a causa della nuova tecnica sperimentata da Seurat: il pointillisme.

Il pittore, invece di mescolare i pigmenti sulla tavolozza per ottenerne altri, lasciò all’occhio dell’osservatore il compito di mischiare i colori: osservando dalla giusta distanza una fitta trama di puntini di colore puro, avvicinati secondo le leggi della percezione cromatica, l’osservatore diventa uno spettatore attivo e consapevole dei trucchi che si nascondono dietro la visione dei colori.

Ancora non è chiaro? Matì e Dadà, insieme a Seurat in persona, sapranno rispondere a tutti i vostri dubbi.

Continua a seguire L’arte con Matì e Dadà: iscriviti alla nostra newsletter e seguici su Facebook!

Lascia una risposta